Da qualche anno un nuovo concetto si è affermato nel panorama cosmetico, e riflette i cambiamenti della pelle, conseguenza a loro volta di un mutato contesto di vita. Ci riferiamo al detox, una parola che va oltre il significato classico di "liberare la pelle dalle tossine", per abbracciare un insieme di nuovi bisogni, risultati e gestualità.
 
Nell’ordine, la pelle si sporca non più come una volta ma subisce le aggressioni dell’inquinamento urbano e dei ritmi frenetici, composti da scarso riposo, ore al computer e alimentazione irregolare. Ecco che sulla pelle – anche quella più curata – si manifestano quelle imperfezioni che ne offuscano la bellezza: impurità, punti neri, pori dilatati, segni di fatica, grigiore e colorito spento. C’è bisogno quindi di nuovi gesti di pulizia che detossinino la pelle, per restituirle luminosità.
 
Si tratta di un passaggio diverso dallo struccante con cui si elimina abitualmente il trucco. I prodotti detox più efficaci sono i detergenti multi-funzione che assorbono le microtossine dell’inquinamento, esfoliano le cellule morte e eliminano le impurità. Vanno usati da 1 a 3 volte alla settimana secondo necessità e secondo il tipo di pelle e di vita. È naturale che una pelle già mista ed esposta maggiormente all’inquinamento richiede un uso maggiore.