Il fascino del fiore azzurro-blu è antico, così come le sue proprietà benefiche, per questo motivo ancora oggi il fiordaliso viene largamente utilizzato nel settore della bio cosmesi.

Centaurea cyranus, questo il nome scientifico del fiordaliso, fiore appartenente alla famiglia delle asteraceae e originario dell’Europa meridionale, dell’America settentrionale e dell’Asia. Nonostante sia una pianta spontanea, le cui origini sembra risalgano addirittura al neolitico, oggi il fiordaliso è a rischio estinzione. Estinzione dovuta essenzialmente all’uso di diserbanti chimici utilizzati nella coltivazione del grano, dal momento che il fiore nasce spontaneo proprio in luoghi erbosi ed in particolar modo nei campi di grano.

 

Le leggende legate al fiordaliso

Il fiordaliso ha numerose proprietà benefiche, per questo da secoli si tramandano anche miti e leggende legate al suo nome. Si narra ad esempio che il centauro Chirone, al quale Zeus aveva donato l’immortalità, colpito da Ercole con una freccia avvelenata, non morì grazie alle sue doti, ma a causa del veleno in circolo, iniziò un lungo periodo di sofferenza che terminò solo dopo cure a base di impacchi di fiori di fiordaliso.

Il fiordaliso nel linguaggio dei fiori simboleggia dolcezza e leggerezza: donare un fiordaliso significa offrire amicizia sincera, mentre in Oriente chi è innamorato regala il fiore come augurio di felicità.

 

Fiordaliso: proprietà benefiche

Per curare malattie degli occhi, anticamente venivano usati distillati di fiori di fiordaliso, utili anche per trattare patologie legate alle mucose. Una pianta di fiordaliso inoltre viene sempre piantata negli orti perché attira insetti utili come sirfidi e coccinelle.

Il fiordaliso ha proprietà benefiche in grado di trattare e sfiammare occhi stanchi, problemi di congiuntivite, orzaioli.

Il fiore infatti è ricco di sostanze decongestionanti e antinfiammatorie, di flavonoidi e antiossidanti.

Infusi a base di fiordaliso possono

  • stimolare la diuresi
  • favorire la depurazione dell’organismo
  • aiutare ad eliminare tossine
  • in caso di mal di gola aiutare a sfiammare la cavità orale
  • grazie alle proprietà astringenti aiutare a trattare problematiche gastrointestinali.

 

Il fiordaliso nella cosmesi bio

Ma il fiordaliso ha proprietà benefiche che vengono sfruttate soprattutto nel settore della cosmesi. Avendo proprietà cicatrizzanti e lenitive, viene spesso impiegato come ingrediente di base per il tonico, dal momento che ha doti rinfrescanti e decongestionanti. Impacchi di fiordaliso sono utilizzati per decongestionare la zona del contorno occhi e per trattare occhiaie. Un infuso del fiore può svolgere inoltre, un’azione antiforfora per i capelli se utilizzato come ultimo risciacquo.

Il fiordaliso è l’ingrediente star ad esempio dell’acqua micellare della linea Garnier Bio, che sfrutta appunto le proprietà lenitive del fiore per rimuovere delicatamente il trucco, senza lasciare residui sulla pelle. Essendo l’acqua micellare di origine naturale, va bene per qualsiasi tipo di pelle, anche per le più sensibili.

Dopo una giornata di lavoro, regalatevi una coccola particolare con l’acqua micellare a base di fiordaliso: per occhi stanchi, affaticati e gonfi, il fiore rappresenta un vero e proprio toccasana, ed essendo un prodotto certificato biologico, non ha alcun tipo di controindicazione.