Il sole che si prende in primavera o nelle prime giornate di estate è il più pericoloso, poiché nasconde parecchie insidie, dirette e indirette. La pelle infatti, dopo essere stata sostanzialmente coperta nei sei mesi precedenti, risulta particolarmente indifesa. In più, non esponendosi direttamente al sole, in spiaggia o in piscina, si ha la sensazione che questo non possa colpire e compiere danni, il primo dei quali è proprio l’eritema solare. Si tratta di una vera e propria ustione della pelle dovuta proprio a un’esposizione inadeguata ai raggi uv, ovvero a un’esposizione senza protezione.