Nonostante l’età dell’adolescenza sia ormai lontana, non è raro riscontrare problemi di pelle impura e brufoli. La presenza dei brufoli può diventare un problema non solo estetico ma anche emotivo, soprattutto se compaiono nei momenti meno opportuni rovinando quella che poteva essere una perfetta occasione speciale. Rimediare al problema è possibile agendo con prodotti specifici in grado di combatterli e prevenirli.

Brufoli post-adolescenza: le cause principali

Se durante la fase adolescenziale ci si aspetta senza troppe sorprese di svegliarsi con un antiestetico brufolo sul viso, una sua comparsa quando non si è più teen-ager può invece destare maggiore sconcerto. Accanto ad un’alimentazione scorretta, squilibri ormonali primari e l’utilizzo di cosmetici di scarsa qualità che ostruiscono i pori, una delle cause principali è lo stress. Uno stato di tensione costante, infatti, comporta uno squilibrio ormonale che induce una produzione eccessiva di sebo per una forma di accelerazione della funzione delle ghiandole sebacee. I brufoli possono comparire anche nel periodo premestruale per effetto di un cambiamento temporaneo dell’assetto ormonale, così come in gravidanza. Le zone bersaglio sono principalmente localizzate nella cosiddetta zona T che include mento, naso, fronte e in alcuni casi guance.

Identifica il tuo tipo di pelle

Prima di scegliere la crema brufoli adatta ed eseguire qualsiasi tipo di trattamento, è importante capire quale sia il proprio tipo di pelle di modo da poter effettuare delle cure specifiche e mirate. Nonostante vi siano rare eccezioni, la pelle può essere catalogata in cinque differenti tipi:

-normale;
-grassa;
-secca;
-mista;
-sensibile.

I fattori che interferiscono nella costituzione della pelle sono essenzialmente tre:

– il contenuto di acqua (che la rende più o meno compatta);
-il contenuto di lipidi (che la rendono più o meno morbida ed idratata);
-la sensibilità (che la rendono più o meno resistente agli agenti esterni).

Per identificare quindi il proprio tipo di pelle bisognerà eseguire un semplice test appena sveglie, utilizzando un fazzoletto di carta da imprimere su tutto il viso. La sua osservazione permetterà di capire a quale delle cinque categorie appartiene la vostra pelle.

-Pelle normale: il fazzoletto apparirà completamente pulito e senza alcuna traccia si sebo, mentre la cute si mostra elastica, uniforme e compatta.
-Pelle grassa: il fazzoletto mostrerà zone oleose, soprattutto in corrispondenza della zona T dove si concentra la maggior quantità di sebo.
-Pelle secca: il fazzoletto non mostra la minima traccia di sebo, mentre la cute appare tirata e screpolata, con possibili rughe d’espressione facilmente visibili.
-Pelle mista: il fazzoletto mostrerà solo tracce di sebo in corrispondenza di naso e fronte, mentre la zona corrispondente alle guance sarà pulita.
-Pelle sensibile: non richiede il test del fazzoletto ma ad un’attenta osservazione presenterà delle zone arrossate ed irritate che rendono la pelle disomogenea e discromica.

Una volta identificato il proprio tipo di pelle sarà quindi possibile agire con i cosmetici adatti, andando a riequilibrare la produzione di sebo lì dove è in eccesso e ad idratare la cute lì dove non ne viene prodotto abbastanza.

Regola n.1: detersione profonda e specifica

La detersione del viso è uno dei passaggi fondamentali che possono garantire la prevenzione dei brufoli. Soprattutto quando la pelle è impura e grassa, una detersione profonda con un gel detergente purificante in grado di purificare la pelle eliminando le impurità con un’azione anti-batterica e sebo-regolatrice, deve diventare un gesto quotidiano da cui non si può prescindere. Qualora la pelle fosse mista, il detergente purificante potrà essere utilizzato localmente, solo sulle zone particolarmente oleose.

Regola n.2: idratazione con la crema brufoli giusta

Mantenere la pelle pulita ed idratata permette di ridurre al minimo la comparsa dei brufoli proprio perché si va a ricreare quell’equilibrio indispensabile tra lipidi ed acqua cellulare. Molto spesso si commette l’errore di pensare che una pelle grassa o mista non vada idratata perché già molto oleosa, eppure questo atteggiamento non solo peggiora lo stato cutaneo del viso, ma incentiva la produzione di sebo da parte delle ghiandole che vedono mancare un’idratazione di base. Usate una crema idratante anti-imperfezioni,  sebo-regolatrice ed anti-imperfezioni che contrasti adeguatamente la loro ricomparsa.
La maggior parte delle pelli grasse, inoltre, mostra spesso una forma di antiestetica lucidità cutanea che può efficacemente essere contrastata da creme idratanti opacizzanti.

Regola n.3: uso di cosmetici non occlusivi

Alla base dei brufoli vi può essere anche un uso costante di cosmetici occlusivi di scarsa qualità. L’ostruzione dei pori, infatti, non permette alla pelle di respirare innescando un processo infiammatorio che causa la comparsa di brufoli. In questi casi, oltre ad eliminare i prodotti occlusivi, potrà essere di grande aiuto sfruttare le BB-cream per pelli miste che, oltre ad idratare, dare uniformità alla carnagione ed opacizzare la pelle, sono capaci di restringere i pori e limitare la comparsa di punti neri e brufoli, mimetizzando quelli eventualmente già presenti grazie ad un leggero effetto coprente.

Regola n.4: maschera purificante una volta a settimana

Una pelle impura richiede certamente più attenzioni di una normale, ecco perché chi è soggetta ai brufoli e alla comparsa di imperfezioni cutanee, dovrebbe almeno una volta alla settimana eseguire una maschera viso purificante che liberi i pori dalle impurità e dall’eccesso di sebo che li ostruiscono . L’applicazione della maschera adatta garantisce una pulizia intensa e duratura che agisce in sinergia con le creme anti-imperfezioni specifiche.

Regola n.5: eliminare ogni residuo di make-up

Non va mai sottovalutata l’importanza di struccarsi ogni sera prima di andare a dormire. La persistenza del make-up durante le ore del riposo notturno creano il substrato ideale per la formazione di brufoli ed impurità. Anche utilizzando i cosmetici migliori sul mercato, la pelle necessita di una pulizia profonda quotidiana che le consenta di respirare e rigenerarsi. I gel struccanti purificanti sono ideali per detergere e purificare la pelle mentre viene rimosso ogni residuo di trucco, anche quello waterproof.