PERCHÉ UTILIZZARE UNA COLORAZIONE SEMIPERMANENTE

Se si desidera cambiare spesso il colore dei capelli, se si ha una cute particolarmente sensibile o semplicemente non si è ancora deciso di modificare il proprio colore e si vuole solo provarne temporaneamente uno nuovo, ecco che la soluzione “colorazione semipermanente” è l’ideale. Innanzitutto perché riunisce il potere di colorazione di una tinta classica ma senza il risultato definitivo. Infatti dura dalle sei alle otto settimane e poi si torna al colore di base. Da non confondere, però con gli shampoo riflessanti, che durano molto meno, dai cinque ai sei lavaggi e non garantiscono una copertura così completa, ad esempio dei capelli bianchi come invece riesce a fare anche una colorazione semipermanente che comunque viene venduta in un kit identico a quello delle tinte permanenti. La differenza principale sta nell’assenza di ammoniaca, che però non compare in molte colorazioni permanenti, come Olia e che dunque non schiarisce il colore ma aggiunge pigmento a quello di base. I pigmenti, infatti, penetrano nella fibra capillare grazie a un attivatore del colore solo quel tanto che basta, in modo da essere eliminato dopo alcune settimane. L’attivatore delle colorazioni semipermanenti si differenzia da quelle permanenti perché ha un volume, ovvero una potenza minore.